Val d’Orcia da assaporare

16 Ottobre 2020 - 19 Ottobre 2020

Quando si pensa alla campagna toscana, le prime immagini che vengono in mente sono quelle che tratteggiano colline dall’andamento dolce simili a dune, campi di grano il cui giallo ocra è rotto dai filari di cipressi, parabole di vigne che si mescolano ai girasoli e affiorano dal grigio che i sentieri in terra battuta decorano come fossero una cornice.
Paesaggi che si incontrano lungo le strade che da Siena portano alla
Val d’Orcia, l’angolo della regione che per eccellenza regala le icone da Toscana shire.

“La strada tortuosa che da Siena conduce all’Orcia / traverso il mare mosso/ di crete dilavate/ che mettono di marzo una peluria verde / è una strada fuori del tempo, una strada aperta / e punta con le sue giravolte al cuore dell’enigma”.
Mario Luzi

“Sia benedetto chi per primo inventò il vino che tutto il giorno mi fa stare allegro”.
Cecco Angiolieri

  • Partenza in bus GT per la Val d’Orcia, situata nella parte meridionale della Toscana, compresa tra le province di Siena e Grosseto. L’intera area è oggi un parco protetto, riconosciuto come Patrimonio dell’Umanità Unesco dal 2004. Soste lungo il percorso e pranzo libero in autogrill. Nel primo pomeriggio arrivo a Castiglione d’Orcia ed incontro con la guida che seguirà il gruppo per tutto il tour; nativa di Trequanda, laureata in storia dell’arte ed esperta del territorio, nonché sommelier. Visita del borgo immerso nel tipico paesaggio delle crete senesi, ovvero terreni argillosi con dolci declivi e colline arrotondate. Castiglione d’Orcia, oltre alla bellezza del paesaggio, offre importanti opere artistiche quali la chiesa romanica di Santa Maria Maddalena e la chiesa dei Santi Stefano e Degna ed un caratteristico centro storico, con nel cuore la piazza Il Vecchietta, su cui si affacciano il Palazzo del Comune ed altri edifici medievali. Proseguimento per Radicofani, dove si trova una delle più spettacolari fortezze toscane, situata su un colle ai confini meridionali della Val d’Orcia. Visita del borgo, il cui monumento principale è la chiesa romanica di San Pietro, che conserva all’interno una splendida collezione di terrecotte robbiane e di statue lignee. Passeggiata e visita della rocca, costruita dopo l’anno mille e più volte rimaneggiata; dal terrazzo alla sommità della torre si può godere di uno splendido panorama su tutta la Val d’Orcia. Partenza per Trequanda, delizioso borgo arroccato su un poggio della Val di Chiana. Arrivo all’agriturismo Fattoria del Colle; sistemazione nelle camere riservate, cena e pernottamento.

  • Prima colazione presso l’agriturismo. Partenza per l’Abbazia di Monte Oliveto Maggiore ad Asciano, fondata nel 1319 da tre nobili senesi che decisero di abbandonare le loro ricchezze per ritirarsi a vivere secondo le regole benedettine. L’abbazia è ancora oggi abitata dai monaci olivetani e si possono visitare la chiesa, il grande chiostro con il ciclo di affreschi dedicato a San Benedetto, la preziosa farmacia, la biblioteca ed il refettorio. Proseguimento per Montalcino e visita del borgo medievale, rimasto pressoché intatto dal XVI sec, circondato da una possente cinta muraria e dominato da un antico castello. La cittadina è nota, oltre che per la sua splendida posizione ed il suo bel centro storico, per la produzione del Brunello, uno dei migliori vini italiani e tra i più apprezzati al mondo. Tempo a disposizione per il pranzo libero in uno dei numerosi locali del centro cittadino. Nel primo pomeriggio visita alla Cantina Paradiso di Frassina. Si tratta di un antico podere risalente al Medioevo, situato a poca distanza da Montalcino, in una delle migliori zone di produzione del Brunello. Si visiteranno i vigneti e si degusterà il vino ascoltando musica di Mozart, attraverso i diffusori sparsi tra i filari; un’esperienza unica, in completa armonia con la natura. Al termine proseguimento per Bagno Vignoni, località termale nel cuore della Val d’Orcia. Le sue acque calde erano apprezzate già in epoca romana e furono frequentate da personaggi illustri quali Santa Caterina da Siena e Lorenzo il Magnifico. Si vedrà la vasca dell’antica piscina al calar del sole, quando i vapori acquei che avvolgono i bordi di pietra creano uno spettacolo suggestivo con l’illuminazione artificiale. Rientro in agriturismo; cena e pernottamento.

  • Prima colazione in agriturismo. Partenza per Pienza, piccolo borgo arroccato su un colle a dominare tutta la Val d’Orcia. Pienza è conosciuta come la “città ideale” del Rinascimento; progettata da Enea Silvio Piccolomini, diventato poi Papa Pio II. Piccolomini volle trasformare il suo umile villaggio natio in quella che doveva essere una città utopica, secondo i principi e la filosofia dell’età classica e del Rinascimento; venne così realizzato un complesso di palazzi armoniosi con la Cattedrale, la residenza papale, il Comune e la piazza centrale. Al termine trasferimento presso la fattoria Pianporcino, famosa per la produzione del Pecorino di Pienza, oltre ad altri trenta diversi tipi di formaggio. Visita della fattoria e pranzo degustazione in loco. Proseguimento per Montepulciano e visita della cittadina che vanta un centro storico ricco di palazzi rinascimentali, chiese antiche e splendide piazze, prima tra tutte la Piazza Grande, cuore del borgo. Sosta e visita con degustazione alla cantina storica De’ Ricci, scavata nel tufo e situata nella parte più antica di Montepulciano; la sua struttura a navate, con pilastri che sorreggono arcate e volte a crociera, la rende simile ad una cattedrale sotterranea in cui i vini vengono conservati a temperatura e umidità costante tutto l’anno. Al termine rientro in agriturismo, dove si svolgerà una cooking class per la preparazione dei pici, pasta fatta a mano tipica della Val d’Orcia. Cena e pernottamento.

  • Prima colazione in agriturismo. Mattinata dedicata alla scoperta della valle degli ulivi a Trequanda, accompagnati da un esperto storico-agronomo. Si passeggerà ammirando il paesaggio ed il panorama sugli uliveti circostanti, terminando con una degustazione di oli ed un pranzo leggero preparato con materie prime del territorio, lavorate sul momento; si tratterà di un vero e proprio approccio genuino con la madre terra! Al termine, partenza via autostrada per Torino e Bra. Soste lungo il percorso ed arrivo previsto in serata.

Mappa
Stato
In via di conferma
Quota di partecipazione
euro 670,00 ( minimo 10 )
Supplemento singola

euro 100

La quota comprende
  • Bus granturismo
  • Pernottamento in agriturismo tipico con cene gourmet e bevande
  • Cooking class per la preparazione dei tradizionali “pici”
  • 2 pranzi degustazione presso caseificio e frantoio
  • Guida esperta del territorio per tutta la permanenza in Toscana
  • Degustazioni come da programma
  • Accompagnatore Korakanè per tutta la durata del viaggio
  • Assicurazione medico/bagaglio
La quota non comprende
  • Mance
  • Tassa di soggiorno
  • Bevande
  • Extra in genere
  • Assicurazione annullamento da stipulare all’atto dell’iscrizione: euro 45
  • Tutto quanto non espressamente indicato ne “la quota comprende"
I nostri alberghi

Agriturismo Fattoria del Colle

Documenti necessari
  • Tessera sanitaria
  • Carta d’identitá senza timbro di rinnovo valida per l’espatrio

N.B. L'itinerario potrebbe subire delle variazioni rimanendo invariato nel contenuto