Viaggi / Viaggi dinamici / Italia / Lombardia

Tavolozza d’autunno. Foliage in Valtellina.

23 Ottobre 2020 - 25 Ottobre 2020

C’è uno specifico momento dell’anno, quell’attimo prima che la neve si poggi sulle vette, dove la natura indossa i colori più caldi. Ogni viaggiatore attende quell’istante per carpire con il suo obiettivo ogni sfumatura del rosso, dell’arancio, dello zafferano. Negli ultimi anni, universalmente denominato come fenomeno del foliage, lo possiamo sintetizzare come “magia dell’autunno”.

Il Touring Club ha decretato che uno dei luoghi più suggestivi per ammirare questo spettacolo, sia la Val Masino. Esploreremo, dunque, un angolo nascosto della Valtellina, dolcemente a piedi, fra laghi spettacolari e vigneti nel loro massimo splendore. Una terra piacevolmente “aspra”, che non vede l’ora, seppur timidamente, di svelare al suo spettatore, una natura incontaminata ed una gastronomia montana autentica.

In andata una piacevole passeggiata a Varenna sul lago di Como, renderà il percorso ancora più completo.

Ma dove ve ne andate, povere foglie gialle come farfalle spensierate?                                                              Venite da lontano o da vicino da un bosco o da un giardino?
E non sentite la malinconia del vento stesso che vi porta via? TRILUSSA

“L’autunno è una seconda primavera dove ogni foglia è un fiore”. CAMUS

BELLANO – MORBEGNO – DEGUSTAZIONE DI BITTO – VAL MASINO – VALLE DEI BAGNI – VIA DEI TERRAZZAMENTI – SONDRIO

Siate viaggiatori, noi pensiamo a tutto il resto.

  • Partenza da Bra e Torino per il lago di Como, con sosta lungo il percorso per la prima colazione. Arrivo in tarda mattinata presso il ramo lecchese del celeberrimo lago manzoniano. Sempre stretta tra acqua e montagna, la fascia costiera della parte di Lecco, quasi un fiordo, ha natura severa e aspra mitigata dall'apertura panoramica verso il centro, con fascinose viste sul promontorio di Bellagio e sulla Tremezzina. Tempo a disposizione per una piacevole passeggiata presso il suggestivo borgo di Varenna. Piccolo e ben conservato nucleo di pescatori, di origine celtica ma d'impianto romano nel reticolo viario, conserva una deliziosa passerella sospesa sul lago. Pregevole la chiesa di san Giorgio con il suo "Giudizio universale". Pranzo libero. Nel primo pomeriggio, proseguimento del viaggio fino a raggiungere Morbegno, porta della Valtellina. All'arrivo, incontro con la guida e visita del centro storico. Caratterizzata da antiche tradizioni commerciali e manifatturiere, nel 1592 accrebbe la sua fortuna grazie all'essere punto cruciale della "via del sale" legata alla Serenissima. Di pregevole interesse risulta il Palazzo Malacrida, testimonianza del rococò valtellinese. Venne edificato durante il secolo XVIII dall’omonima nobile famiglia di origine lariana nella parte alta di Morbegno, l’antica contrada “Scimicà”, dove si erge maestoso dominando il centro cittadino. Il salone d’onore, grandioso e raffinato, mostra le geniali quadrature di Giuseppe Coduri, detto il Vignoli, con prospettive architettoniche ardite che creano l’illusione di un grande e variopinto giardino. Sulla volta Il trionfo della verità sulla menzogna: uno dei capolavori di Cesare Ligari, assieme al medaglione della saletta attigua raffigurante Le Tre Grazie. A completamento, un giardino all’italiana disposto su tre terrazze. Al termine, sosta gastronomica presso la storica bottega dei fratelli Ciapponi, in attività dal 1883. Con l’antica insegna tuttora conservata di “Drogheria – Granaglie – Formaggi – Cordami” , nasconde nel retrobottega  un sorprendente susseguirsi di volte, colonne e celle ad alveare che si snodano nella cantine con altrettanti spazi in penombra, dove giacciono ben allineate le tonde forme di Bitto d’annata e quelle invecchiate fino a dieci anni, i gustosi Salumi Valtellinesi, i Pregiati Vini e le Profumate Grappe. Possibilità di piccoli assaggi ed acquisto dei prodotti tipici. A seguire, trasferimento nell'attigua Ardenno, sistemazione in hotel/agriturismo con cena della tradizione e pernottamento.

  • Colazione in hotel a partenza alla volta di una giornata dedicata alla completa immersione nella natura valtellinese. Colori e profumi dell'autunno faranno da sfondo a bellissime e facili passeggiate (dislivello inferiore ai 150 m - molto facile), nel cuore di due vallate: Val di Mello e Valle dei Bagni. In pochi km si raggiungerà, con il nostro bus, la località di San Martino, centro alpinistico e di villeggiatura. Da lì, lungo le rive del torrente a Ca’ Panscer, una mulattiera procede con lieve pendenza su grandi ciottoli e giunge, in breve tempo, al famoso laghetto denominato "bidet della Contessa".  Lo specchio d'acqua cristallino riflette i monti intorno, circondandosi di vergine vegetazione e grandi massi che invitano a gettarsi nelle sue acque gelide e salutari. Qui è possibile notare una pietra che si stende per qualche metro all'interno del lago, risultando il punto panoramico migliore per ammirare la bellezza del sito. Poco più avanti, a lato del fiumiciattolo, si incontra un ponte di legno che porta ad un rifugio e alle baite di Ca’ di Carna. Si prosegue poi sempre su terreno agevole e lievemente in salita. Non ci vuole molto per raggiungere un altro piccolo borgo di baite, la Cascina Piana. E' l'ennesimo scenario d’incanto: le casette tra cui anche due rifugi, Mello e Luna Nascente, sono in mezzo al prato, ai piedi di una enorme parete di granito, tra macigni colossali. Sosta ristoratrice per ammirare gli straordinari colori e fare merenda. Al termine, rientro sui nostri passi sino a San Martino e tempo a disposizione per un pranzo libero. A seguire, partenza per una nuova affascinate passeggiata in direzione opposta rispetto a quella finora percorsa. Ci si addentrerà nella foresta regionale della valle dei Bagni di Masino, vagando tra altissimi abeti e grandi faggi secolari, lungo un circuito quasi invisibile di sentieri e antiche mulattiere. Un luogo semplicemente incantato, dove si ha l’impressione di essere finiti magicamente dentro una fiaba dei fratelli Grimm. (dislivello circa 250m - facile). Geologicamente è il luogo dove si incontra il granito del Plutone del Masino e le serpentiniti della Valmalenco, che fanno assumere alle pareti rocciose un colore rossastro da cui il nome Predarossa. La Piana che la contraddistingue è un perfetto mondo orizzontale sovrastato da ghiacciai e alte cime di rocce grigie e rosse, solcato dalle spettacolari anse del fiume Duino che si snoda al suo interno come un gigantesco serpente. Rientro ad anello sino a San Martino. Ripresa del bus, raggiungimento dell'hotel, cena della tradizione e pernottamento.

  • Colazione in hotel e partenza per Sondrio, capoluogo di provincia e maggior centro economico della Valtellina. All'arrivo, passeggiata tra le vie del centro storico, fino a raggiungere la borgata Scarpatetti. In pochi passi ci si troverà in corrispondenza di una delle tante tappe della "Via dei Terrazzamenti", uno splendido itinerario ciclo-pedonale sul versante retico della Valtellina. Il percorso, che collega Tirano a Morbegno, racconta la storia e la grandezza del lavoro dell'uomo, che è riuscito a rendere coltivabili le pendici di queste montagne: non a caso si parla spesso in Valtellina di "viticoltura eroica". 70 km di vigneti terrazzati da cui si ottengono i pregiati vini valtellinesi e dove godere di alcuni scorci panoramici particolarmente suggestivi. Oltre che apprezzare la bellezza paesaggistica, percorrendo la Via dei Terrazzamenti si può scoprire un immenso patrimonio culturale: chiese, siti preistorici, cantine rurali, agriturismi e antichi borghi. Nel nostro caso, percorreremo circa 5 km fino alla cittadina di Tresivio. All'arrivo, il nostro bus sarà ad attenderci per condurci in una tradizionale osteria per la degustazione dei pizzoccheri. Una golosa conclusione alla nostra avventura autunnale! Ho detto avventura perché sarà avvincente, ma ben lontana dall'essere difficoltosa. Ricordiamo che i percorsi sono brevi, facili ed adatti a tutti!

Mappa
Stato
Confermato
Quota di partecipazione
euro 380,00 ( minimo 15 )
Supplemento singola

euro 50

La quota comprende
  • Pernottamento in agriturismo
  • Minibus confort
  • Pasti come da programma
  • Visite guidate come da programma
  • Accompagnatore Korakané per tutta la durata del viaggio
  • Assicurazione medico/bagaglio
La quota non comprende
  • Tassa di soggiorno
  • Bevande
  • Extra in genere
  • Assicurazione annullamento pari al 5% del pacchetto di viaggio
  • Tutto quanto non espressamente indicato ne “La quota comprende”.
I nostri alberghi

ARDENNO – Agriturismo le Case dei Baff o similare

Documenti necessari
  • Carta d'identità
  • Tessera sanitaria

N.B. L'itinerario potrebbe subire delle variazioni rimanendo invariato nel contenuto