Puglia: fascino intramontabile

28 Dicembre 2020 - 5 Gennaio 2021

 Che dire di questa regione, tra le migliori destinazioni di viaggio dell’intero Pianeta?

La parola giusta è accoglienza!
Verrete accolti da città e borghi di inestimabile ricchezza e bellezza: i grovigli dei vicoli di Bari Vecchia,
le geometrie coniche di Alberobello, il fascino sotterraneo di Gravina in Puglia.
Non dimentichiamoci della tradizione culinaria: le orecchiette fatte a mano, il pane prodotto dalla farina macinata come nel ’50 ad Altamura,
il pesce cucinato nei vecchi trabucchi dei pescatori nel Gargano.

E poi c’è il mare, uno di quelli davvero indimenticabili, limpido, dai colori sgargianti, la giornata sulle
Isole Tremiti lo farà assaporare e vivere con la dovuta calma.

Siate viaggiatori, noi pensiamo a tutto il resto.

  • All'orario concordato, partenza con bus GT da Torino e Bra. Soste lungo il percorso. Arrivo nel tardo pomeriggio a Chieti e visita orientativa della città: partendo dalla Cattedrale di San Giustino, dall'atmosfera senza tempo, passeremo ad un gioiello della città in stile ottocentesco: il Teatro Marrucino. Scendendo sull'omonimo Corso, ci imbatteremo nei Tempietti romani, molto probabilmente votati al culto di Minerva, Giunone e Giove, arrivando all'anfiteatro, anch'esso romano, del I secolo. La forma ellittica si intuisce perfettamente anche se purtroppo le parti originali rimaste sono ben poche. Finiremo con l'elegante e raccolta Piazza Gian Battista Vico dove affaccia il bellissimo Palazzo della Camera di Commercio, originario degli anni '30. Al termine, arrivo in hotel, cena e pernottamento.

  • Dopo colazione, ci dirigeremo a San Severo, in provincia di Foggia. All'arrivo faremo una visita orientativa della città, che fu il fulcro della produzione di grano di tutto l'impero romano. Dal  punto di vista storico-culturale, nel 2006 San Severo ha ricevuto il riconoscimento di città d'arte, grazie al suo centro storico ricco di monumenti. Si caratterizza infatti per un sistema stradale medievale, che ospita tipici campanili dalle guglie maiolicate e numerosi edifici barocchi. Tra questi rientrano i palazzi signorili e tre grandi monasteri; inoltre sono di impianto barocco la Chiesa di San Nicola, la Chiesa di San Lorenzo e la Chiesa di Santa Maria della Pietà (queste ultime due sono state dichiarate monumenti nazionali). Oggi l'importanza di San Severo è data anche dalla produzione di numerosi ottimi vini, proprio per questo visiteremo una cantina del centro, molto particolare. Dopo il pranzo libero, percorreremo i pochi chilometri che ci separano da Foggia, arrivando nel capoluogo dell'omonima provincia. Il centro storico è caratterizzato da molteplici monumenti, soprattutto d'età ottocentesca. Eppure sono molti anche gli edifici, per lo più religiosi, che risalgono all'epoca normanna e di Federico II. Numerosi sono i palazzi signorili, dalle facciate semplici, impreziosite da stucchi ed elementi barocchi, come Palazzo Buongiorno, uno dei più noti della città. Tra Seicento e Ottocento, in città furono costruite molte architetture religiose. Lo stile è quello del Barocco, ma vi sono anche evidenti elementi del Rococò come ad esempio presso la Chiesa de Morti, senza dimenticare la splendida Cattedrale. Cena e pernottamento in hotel.

  • Dopo colazione, ci sposteremo alla splendida città di Trani. Primo tra tutti i monumenti è sicuramente la Cattedrale, posta proprio in prossimità del porto, a pochi metri dal mare. La sua collocazione la faceva apparire al marinaio come un faro sulla terraferma arrivando dal lontano Mediterraneo. Percorreremo tutta la zona del porto, la più antica e affascinante, che rimaneva all'interno delle mura ormai inesistenti. A breve distanza troviamo il Castello di Trani, che fa parte di un imponente sistema difensivo fatto erigere da Federico II di Svevia a protezione del Regno di Sicilia, strategicamente collocato al centro di una rada, i cui bassi fondali hanno costituito da sempre un’ottima difesa naturale, sia dalla furia delle onde che da eventuali attacchi del nemico. Nel pomeriggio, visita guidata del gioiello della Murgia: Castel del Monte. Fatto costruire nel 1240 dall’Imperatore Federico II di Svevia, il Castello rappresenta un capolavoro dell’architettura militare medievale, nonostante sia privo di alcuni elementi tipici come il fossato. Il numero otto ne rappresenta l’elemento caratterizzante: attorno al cortile ottagonale si dispongono, sia al piano terra che al primo piano, otto sale a pianta trapezoidale, a formare un ottagono, sui cui spigoli si innestano otto torri di analoga forma. Castel del Monte possiede un valore universale eccezionale per la perfezione delle sue forme, l’armonia e la fusione di elementi culturali venuti dal Nord Europa, dal mondo musulmano e dall’antichità classica. Arrivati a Gravina in Puglia, cena e pernottamento in hotel.

  • Dopo colazione, visita di della graziosa cittadina. Il centro di Gravina in Puglia ha un volto nascosto: sotto l’abitato, infatti, si conserva in ottimo stato un mondo sotterraneo fatto di cunicoli, cantine, chiese rupestri, granai, forni seicenteschi. Da piazza Benedetto XIII partono le scalinate che conducono ai quartieri più antichi, tra le case medievali e le chiese rupestri, tra cui la più importante è quella dedicata al patrono, San Michele. L’esplorazione della civiltà rupestre di Gravina continua nel Museo Pomarici Santomasi, che custodisce importanti reperti come gli affreschi della Cripta rupestre di San Vito Vecchio. Al termine, brevissimo spostamento fino ad Altamura, località nota soprattutto per il pane creato "alla vecchia maniera". Il Pane di Altamura in passato veniva preparato dalle signore in casa e lo portavano a cuocere nei forni a legna comuni (nel 1600 erano almeno 26) situati in vari punti della città, in quanto doveva anche essere cotto in pubblico. Tra le viuzze del centro storico, nei pressi della sua bellissima Cattedrale, ancora oggi sono attivi alcuni forni molti antichi ed è possibile visitarli e acquistarne i prodotti. Con questa esperienza ci sembrerà di fare un viaggio nel tempo. Potremo scoprire come questi forni non erano semplici luoghi di cucina, ma location di aggregazione e socializzazione. Conosceremo la storia del prodotto e il legame con la città, come la sua regolamentazione. L’esperienza terminerà con la degustazione del Pane di Altamura e di altri prodotti tipici. Nel pomeriggio, ci dirigeremo ad un gioiello conosciuto in tutto il mondo: Alberobello. L’impressionante distesa di trulli è stata riconosciuta Patrimonio Mondiale dell’Umanità nel 1996 e premiata con la Bandiera Arancione dal Touring Club Italiano in virtù dell’eccellente offerta ricettiva e dell’armonia architettonica. Viuzze tortuose e piazzette caratteristiche s’intrecciano nel Rione Monti, dove si distinguono i “trulli siamesi”, dall’originale copertura a due coni, la Chiesa di Sant’Antonio e il Trullo Sovrano. Da non perdere il Museo del Territorio, ospitato in un complesso di trulli comunicanti e la Casa d’Amore, oggi prezioso punto d’informazione turistica, primo edificio nell’intera cittadina costruito con calce e malta. Proseguimento fino ai dintorni di Monopoli per la cena ed il pernottamento in hotel.

  • Dopo colazione, giornata dedicata alla visita guidata di Bari, con il suo lungomare più esteso d’Italia. Impreziosito da maestosi palazzi e dalla brezza marina che soffia nel centro storico, custodisce arte, sapori e colori inaspettati. È una scoperta affascinante quella del capoluogo, e dei suoi due volti: l’elegante quartiere murattiano e l’ipnotica Bari vecchia, adagiata sull’Adriatico. Il centro storico, un dedalo di vicoli, corti, palazzi storici e locali, è una città nella città, con circa 30 chiese e meravigliose architetture come la Basilica di San Nicola, la Basilica romanica di San Gregorio, la Cattedrale di San Sabino e il Castello Normanno-Svevo, voluto da Federico II. Sul lungomare, Bari Vecchia è il cuore antico della città, tra il profumo del bucato, focacce appena sfornate e pasta fresca messa ad asciugare davanti agli usci, lungo Arco Basso e nella zona tra piazza Ferrarese, piazza San Pietro e il Monastero di Santa Scolastica. Molto interessanti sono anche piazza Mercantile, la Colonna Infame e la Biblioteca di Santa Teresa dei Maschi. Al termine della visita, trasferimento nei dintorni di Barletta per la cena ed il pernottamento.

  • Dopo colazione, ci dirigeremo al celeberrimo Monte Sant'Angelo per una suggestiva visita guidata. Sede del Parco Nazionale del Gargano e Patrimonio Mondiale dell’Umanità UNESCO, la vita della cittadina è concentrata intorno al Santuario di San Michele Arcangelo, realizzato tra il V ed il VI secolo quando, secondo la tradizione, sarebbero avvenute le apparizioni dell’arcangelo in una grotta. I Longobardi, che in quel periodo dominavano nell’Italia meridionale, ne fecero il loro santuario nazionale. In breve tempo divenne un centro rinomato in tutta la Cristianità e meta obbligata, non solo per i pellegrini di tutta Europa, ma anche per i Crociati in partenza per Gerusalemme. Dopo il pranzo libero, spostamento lungo lungo la costa per una visita orientativa di Vieste: tra le intricate e caratteristiche stradine troviamo la cattedrale, con il suo bellissimo campanile che si erge a guardia della città. In questa zona è presente anche il castello federiciano, da cui è possibile ammirare dall’alto il Pizzomunno, monolito calcareo, simbolo della città di Vieste, sulla spiaggia della Scialara. Al termine, arrivo alla meta di giornata: Peschici. Cena e pernottamento in hotel.

  • Dopo colazione, giornata di relax sull'isola di San Domino, la principale delle isole Tremiti. Il piccolo arcipelago al largo delle coste della Puglia è uno scrigno di tesori tutti da scoprire. E San Domino vi offre tante cose da vedere racchiuse in poco più di tre chilometri quadrati di territorio. La ricchezza del paesaggio e delle tradizioni locali rende il luogo un concentrato di bellezza: mare, grotte, villaggi di pescatori, boschi, aree marine protette, spiagge, strutture attrezzate per ogni tipo di esigenza, per accogliervi e farvi accomodare nella vostra nuova casa, almeno per una giornata. All'orario concordato, rientro in traghetto a Peschici, cena e pernottamento.

  • Dopo colazione, partenza in bus in direzione nord e sosta, per una visita orientativa, alla città di Ortona. E' ricordata nei libri di storia per la "battaglia di Ortona" che tra il 20 ed il 28 dicembre del 1943 distrusse l'intero abitato. I combattimenti furono così accaniti che il New York Times affermava che "i tedeschi stanno cercando, per qualche oscura ragione, di ripetere una Stalingrado in miniatura nella sfortunata Ortona"; per gli Alleati conquistare la città significava aprirsi la strada per Pescara, Avezzano e quindi per Roma. Pranzo libero in corso di giornata. Arrivo nella zona di San Benedetto del Tronto, tempo libero a disposizione. Cena e pernottamento in hotel.

  • Dopo colazione, partenza in bus all'orario concordato e rientro ai luoghi d'origine. TERMINE DEI SERVIZI

Mappa
Stato
In via di conferma
Quota di partecipazione
Quota in via di definizione ( minimo 15 )
La quota comprende
  • Bus granturismo
  • Pernottamento in hotel
  • Pernottamento in masseria
  • Visite guidate come da programma
  • Visita in cantina
  • Accompagnatore Korakané per tutta la durata del viaggio
  • Assicurazione medico/bagaglio
  • Tutte le cene
  • Pranzo presso un antico forno ad Altamura
La quota non comprende
  • Tassa di soggiorno
  • Ingressi ai siti di interesse
  • Bevande
  • Assicurazione annullamento pari al 5% della quota individuale
  • Tutto quanto non espressamente indicato ne "La quota comprende"
Documenti necessari
  • Tessera sanitaria

N.B. L'itinerario potrebbe subire delle variazioni rimanendo invariato nel contenuto